Tecniche Serendipità: la bacheca di classe. Lo strumento per gestire le proprie scelte e ri-conoscere le intelligenze multiple

Nonostante diffusa sia la convinzione che tutti i bambini siano intelligenti, seppur ciascuno con modalità proprie ed individuali, in questi anni ho avuto modo di osservare che i bambini con tendenze logico.matematiche o linguistiche tendono a sentirsi molto più intelligenti dei loro compagni e viceversa.

Essendo la percezione della propria intelligenza fortemente collegata all’autostima, da quest’anno abbiamo formalizzato e organizzato il nostro lavoro didattico e pedagogico a favore di una complessità di proposte e attività volte a toccare quotidianamente diversi tipi di intelligenza.

Abbiamo cercato di rendere visiva a chiara la tipologia di intelligenza sulla quale ogni attività si focalizza utilizzando diversi strumenti. Oggi vi spiegherò quello della bacheca di classe.

Ma prima un passo indietro, per comprendere il valore della bacheca è necessario che io spenda due parole sull’organizzazione della giornata.

Una delle riflessioni e osservazioni condotta in questi anni, è stata quella relativa alla libertà di scelta concessa ai bambini. Da noi, i bambini erano messi nelle condizioni di poter scegliere quali attività seguire o non seguire, avendo la possibilità di giocare liberamente tutto il giorno.  Negli anni l’osservazione dei comportamenti dei bambini, ci ha mostrato che, se messi in condizione di libertà totale, solitamente preferiscono giocare, in alcuni casi evitando per giorni, settimane, addirittura mesi attività didattiche. Eppure non possiamo negare che la nostra realtà abbia una responsabilità verso la loro istruzione e che l’istruzione sia un processo che richiede anche esercizio, costanza e ripetizione, badate bene, non ho scritto obbligo, dolore e noia.

Per cui, se riconosco che ho un dovere verso la loro istruzione ma dichiaro che loro sono liberi di scegliere e osservo che non scelgono di studiare,  le strade a mio avviso sono tre: o accetto la situazione e seguo il gruppo come studio di caso per vedere cosa accada, o in maniera subdola e ambigua li porto dove voglio, oppure entro in un compromesso con la mia ideologia romantica, accetto lo stato delle cose e cerco di mettere in campo soluzioni che sostengano i bambini pur perseguendo cammini sperimentali nel rispetto dei loro bisogni culturali e di sviluppo.

Noi abbiamo optato per quest’ultima opzione, e ora che Serendipità è una scuola-comunità dinamica, i bambini possono sempre scegliere ma tra un ventaglio di possibilità non più potenzialmente infinito.

Durante la giornata sono suddivisi in gruppi che variano. Le divisioni hanno basi differenti, e sono rispettivamente:

  • divisione anagrafica;
  • livello didattico;
  • talenti.

L’arrivo è dalle 8:00 alle 8:30, dalle 8:30 alle 9:00 i bambini divisi per classe si iscrivono alle attività della giornata attraverso la bacheca.
La bacheca di legno, è suddivisa in 4 colonne, una per ogni giorno della settimana dal lunedì al giovedì. Sopra la bacheca i bambini hanno un cartellone dove attraverso parole chiave, simboli e colori visualizzano chiaramente le tipologie di intelligenze e l’orario della giornata che indica cosa avviene in ciascuna stanza quel giorno. Ogni bambino deve iscriversi ad un’attività didattica ed una espressiva (talenti), quella anagrafica per ovvi motivi non può esser scelta.

Le attività didattiche sono suddivise per livelli, per comprendere a quale livello accedere accanto a bacheca e cartelloni i bambini trovano i requisiti di accesso per ciascun livello. Se hanno qualche dubbio riguardo il fatto di possederli o meno, possono prendere dal corridoio degli esercizi per una verifica autonoma. Gli esercizi riprendono il principio delle schede autocorrettive di Freinet. I bambini hanno delle schede fotocopiate ed una copia plastificata con le soluzioni per poter fare la verifica in autonomia.

Tutte le attività (sia espressive che didattiche) sono colorate di un colore che indica l’intelligenza su cui lavorerà la proposta in questione.

Per iscriversi i bambini pertanto scrivono su un foglio nome, titolo dell’attività e colorano il tutto del colore corrispondente l’intelligenza coinvolta.Progetto senza titolo-2

Ciò che possiamo dire è che stiamo vedendo nei bambini una risposta rapida e positiva nell’acquisizione del meccanismo ed una maggior serenità, a nostro avviso dovuta dal fatto di esser stati sollevati dalla responsabilità forse eccessiva dell’esercizio della libertà.

Grazia Honneger Fresco diceva che la libertà è un cerchio che cresce attorno al bambino, tanto più il bambino è piccolo tanto più stretto sarà il cerchio. Poi lentamente si allargherà.

I bambini hanno bisogno di confini, sicurezza e chiarezza.

Ed è uno degli obiettivi che abbiamo perseguito nella strutturazione di questo strumento.

La bacheca permette di mettere in campo la propria libertà di scelta, la propria responsabilità nell’essersi presi un impegno e la propria capacità di autoanalisi per comprendere quali sono le modalità di apprendimento privilegiate (ad esempio se ho un’intelligenza cinestetica cercherò di iscrivermi alle attività che utilizzano questa chiave). Infine il venerdì è il giorno della metacognizione, durante il quale dalla bacheca vengono raccolti tutti i propri foglietti e si procede alla compilazione del diario di bordo.

Ma oggi è ancora giovedì e dovrete aspettare un giorno per conoscerlo…

 

Progetto senza titolo-3

Emily Mignanelli

Un pensiero riguardo “Tecniche Serendipità: la bacheca di classe. Lo strumento per gestire le proprie scelte e ri-conoscere le intelligenze multiple”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...